I 3 elementi fondamentali (più uno) di una motivazione ben strutturata - Extraordinary S.r.l.

I 3 elementi fondamentali (più uno) di una motivazione ben strutturata

I 3 elementi fondamentali (più uno) di una motivazione ben strutturata

Tutti in qualche momento della nostra vita si sono sentiti super motivati a fare qualcosa in modo naturale. E quasi tutti nella routine quotidiana non si pongono il problema della motivazione: fanno quello che devono fare, per lo più senza pensarci. Per questo per alcune persone è così difficile comprendere cos’è davvero la motivazione e cosa vuol dire essere motivati. Se non la si pratica in maniera quotidiana, in modo consapevole, la motivazione sfugge.

La motivazione è un carburante fondamentale per realizzare obiettivi di medio o lungo periodo e più che costruita, va cercata nel rapporto tra chi siamo e cosa vogliamo. La motivazione infatti non si trova per caso ma è un riflesso diretto del tuo scopo e necessita il sostegno dei tuoi valori e delle tue convinzioni. È impossibile ottenere una motivazione profonda se ciò che stai facendo non ti ispira e va contro i tuoi valori e le tue convinzioni. Se vuoi approfondire questo argomento ti invito ad ascoltare uno degli audiolibri più ricchi che abbia mai fatto in termini di tecniche utili, strategie efficaci e consigli pratici: Impara ad essere più motivato in ogni situazione.

In questo post voglio riassumere i tre elementi fondamentali (più uno) di una motivazione ben strutturata:

Corpo: per essere motivati, bisogna sentirsi bene prima di tutto nel fisico. Per fare questo puoi compiere molte azioni che si possono riassumere in un principio generale: prenderti cura di te. Questo significa mangiare in modo sano ed equilibrato, bere la giusta quantità di acqua per il tuo fisico e la tua attività, fare movimento e dormire bene.

Mente: concentrati sulle tue abilita e sviluppale – studia, leggi, esercitati – per diventare la migliore versione di te stesso. Il segreto è tutto qui. La concorrenza è finita: non viviamo più in un mondo che può farsi concorrenza su di un prodotto standard, bisogna avere la capacità di sviluppare il proprio modello, la propria unicità, quella che io chiamo la differenza che fa la differenza.

Spirito: circondati di persone che ti vogliono bene, ti spronano a far meglio e soprattutto ti supportano in quello che fai. E per fare questo, ricorda: tu stesso devi essere il primo. Il primo a volerti bene, il primo a spronarti e il primo a credere in te stesso. Tieni vicino a te chi fa lo stesso e metti alla giusta distanza chi ti prende solo energie: quelle energie sono motivazione che scorre via.

Infine, rispondi a una domanda chiave: che immagine hai di te? La domanda può essere estesa a tutto ciò che direttamente o indirettamente influisce sulle attività nelle quali hai bisogno di sviluppare la motivazione. L’immagine che hai di te è influenzata da ciò che pensano i tuoi clienti? Se è così ricorda che i clienti condividono più facilmente una lamentela che un complimento. Parla con i tuoi clienti soddisfatti per rafforzare i tuoi punti di forza. Potresti scoprire che ne hai più di quello che pensi!

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*